Fashion

Primavera 2019: (ri)sboccia il tie-dye e il vortice di colore travolge anche l’alta moda

By  | 

Cari amici,

… e caro vecchio tie-dye, bentornati. Se pensavate che la famosa stampa a vortice con i suoi colori accesi e psichedelici fosse ormai morta e sepolta, sappiate che, invece, è già risorta. Per la seconda volta. Il trend aveva avuto origine negli Stati Uniti negli anni ’60 con il nome di tie-dye, ripreso proprio dalla tecnica utilizzata per ottenere il pattern.

Tie and dye“, dall’inglese, letteralmente significa “legare e colorare”: infatti, l’effetto si ottiene legando il capo di abbigliamento prescelto con un laccio e aggiungendo gocce di colore puro che, espandendosi tra le trame del tessuto, crea stampe sempre diverse. Il risultato è un look sempre originale, unico e soprattutto coloratissimo.

Dopo un primo boom negli anni ’60, il tie-dye è tornato di moda nell’ultimo decennio del secolo scorso, motivo per cui molti lo associano ai ricordi di infanzia e, in particolare, al periodo caldo. Dalla Beat Generation al centro estivo per approdare, nel 2019, alle passerelle dell’alta moda. tantissimi nomi dell’alta moda hanno presentato la fantasia tie dye su alle loro sfilate. Prada, Stella McCartney e MSGM su tutte ne hanno fatto il filo conduttore delle loro collezioni per la primavera-estate 2019, e anche le collezioni dei brand più comuni come Zara, Bershka e ASOS hanno diversi capi per indossare la tendenza tie dye nella prossima stagione.

 

 

Primavera 2019: (ri)sboccia il tie-dye, il vortice di colore che ha travolto anche l'alta moda

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *