People

Grace Kelly, ecco com’è nato il suo iconico abito da sposa

By  | 

Il 19 Aprile del 1956 si celebrò uno dei matrimoni più celebri del secolo scorso, che sancì l’amore tra la star di Hollywood Grace Kelly e il Principe Ranieri di Monaco. Conosciuti durante le riprese di To Catch a Thief di Alfred Hitchcock, ambientato proprio nel Principato di Monaco, tra i due fu amore a prima vista.

Uno dei simboli di questa storia d’amore che fece sognare tutta Europa fu proprio il giorno delle nozze e, più in particolare, l’abito da sposa della nuova Principessa di Monaco. Ancora oggi fonte d’ispirazione per centinaia di nozze (basti pensare a Kate Middleton o Isabella Orsini), l’abito fu disegnato da Helen Rose, costumista di Hollywood e grande amica di Grace di Monaco. Helen aveva già vinto due Oscar, lavorando con la MGM.

Il vestito per le nozze doveva incarnare un’estetica principesca e regale, ma allo stesso tempo doveva avere linee semplici e raffinate. Fu composto di 10 parti differenti, unite pezzo per pezzo. La gonna era in faille color avorio, composta di tre sottovesti: levigata, arruffata e di fondo, oltre che il supporto, il sottosacca e il famosissimo corpetto di pizzo. Il velo fu studiato apposta per mantenere lo splendido viso di Grace il più visibile possibile.

Infine il tocco di classe: la Principessa, per alleggerire il suo aspetto, scelse un copricapo da Giulietta al posto della classica (e scomoda) tiara. Il risultato? Un look da nozze che ha mandato in tilt i 30 milioni di spettatori di tutto il mondo, e che ancora oggi rivive tra chi sogna i fiori d’arancio.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *